-->

giovedì 4 maggio 2017

Chianciano Terme, Val d'Orcia. Visita ai giardini della Tenuta La Foce

Ci sono luoghi in Italia, talmente belli da togliere fiato.

Durante il nostro ultimo viaggio, che ha avuto come protagonista un itinerario di 4 giorni in Val d'Orcia, abbiamo avuto la fortuna di visitare non solo uno dei luoghi più belli della Toscana, ma anche uno dei giardini più belli d'Italia.
Si tratta dei Giardini della Tenuta La Foce a Chianciano Terme.
Li troverete fuori dal paese, in posizione panoramica, un luogo di pace fuori dal comune, dove lo sguardo può spaziare sulle dolci colline di un luogo che un tempo fu paludoso, e che ora è a dir poco stupendo.
Il corpo centrale dell'edificio risale, in prima costruzione, alla fine del XV sec. ed era un ricovero per viandanti o pellegrini, come altri presenti nella zona ed ora divenuti relais di charme o agriturismi. Infatti proprio qui passa la Via Francigena, un percorso religioso di grande importanza, allora come oggi.
Nel corso dei secoli, la tenuta appartenne a diverse famiglie nobili del posto fino a quando, nel 1924, fu acquistata dai Marchesi Origo.
In particolare, Iris Origo ebbe un ruolo fondamentale per lo sviluppo del giardino. Scrittrice anglo-americana, Iris era una donna colta e molto sensibile, che si innamorò perdutamente della tenuta, la quale non era certo quella che vediamo ora. Grazie al suo intervento e sempre affiancata dal marito, bonificò l'area, preoccupandosi anche di migliorare le condizioni di vita dei contadini della zona, e creò il giardino attuale. Tutti i lavori furono affidati al grande architetto inglese Cecil Pinsent, noto anche per la ristrutturazione di Villa Medici di Fiesole, acquistata in precedenza dalla madre di Iris.
Le zone più romantiche sono sicuramente: la galleria dei glicini che, affiancando il giardino delle rose, si incurva per seguire la collina, permettendo una meravigliosa veduta sulla Val d'Orcia; il bosco, punto più alto del giardino e con la vista più bella.
Di estrema bellezza però sono anche la Grande Limonaia, con le sue curiose siepi in bosso lavorate a semi-sfera, il Primo Giardino con aiuole sempre in bosso ed una bella fontana con vasca. Si avrà una fantastica visione d'insieme salendo le scale in travertino alle spalle di questo giardino.
Sarà interessante ascoltare la guida che vi spiegherà con precisione la storia di questo meraviglioso angolo di Toscana.
Il giardino è aperto solo alcuni giorni della settimana e solo se non ospita eventi o matrimoni.
Per il 2017, le date disponibili le potrete trovare consultando il seguente link: Tenuta la Foce - quando andare
La Tenuta offre anche la possibilità di soggiorni presso il loro B&B Palazzolo ed anche in appartamenti ricavati all'interno del Castelluccio della Famiglia Origo e di alcuni casolari nei dintorni.
A questo link troverete le soluzioni che posso fare per voi, per un vacanza di charme ed estremo relax, coccolando i vostri sensi nella grande bellezza della Val d'Orcia:
Leggi tutto...

mercoledì 3 maggio 2017

Lubecca, Germania del Nord: cosa vedere in un giorno

Lubecca o Lübeck in tedesco, è stata la più importante città della lega anseatica
(di cui era sede e capitale), che durante il Medioevo le ha permesso di diventare una dei centri più influenti della Germania. Tale associazione comprendeva anche Brema ed Amburgo, oltre a decine di altri centri affacciati sul Mar Baltico.
Dal 1987 il suo piccolo e grazioso centro è tutelato dall’Unesco, che lo ha inserito nella sua prestigiosa lista.

Cosa vedere a Lubecca e quanto stare?

Come dicevo, il suo centro è di modeste dimensioni ed un giorno è sufficiente per vedere con tranquillità le sue bellezze architettoniche e paesaggistiche.
Io l’ho trovata una città molto pulita e tranquilla.
Uno dei monumenti più famosi è sicuramente la porta Holstentor, anche simbolo della città, che permette l’ingresso al centro storico, o altstadt.
Il fiume Trave le gira intorno circondando il suo cuore più autentico come un anello. Lubecca è piccolina e le cose da vedere non sono tante. Si gira bene a piedi, anche con un bimbo al seguito.

Da vedere, oltre alla porta già menzionata, la Markt Platz con il Rathaus, che si distingue dal resto per i mattoni scuri, quasi neri, cosi’ diversi da quelli rossicci che caratterizzano questa bella cittadina. Proprio dietro la piazza troverete la Marienkirche, interessante per conservare al suo interno i resti delle vecchie campane bombardate durante la seconda guerra mondiale.
Una bella passeggiata è quella che, costeggiando il fiume vi porta verso il Dom, nella zona sud ovest della città.
La Petrikirche invece, attualmente viene utilizzata come sede di eventi e non a fini religiosi. Il campanile, St. Petri, domina la città e ne permette una splendida vista dall’alto.
Se avete un po’ di tempo in più, potete prendere la Glockengiesserstrasse, nella zona nord della città.


Su questa strada si aprono due delle piu’ belle corti di Lubecca: il GLANDORPSGANG del 1612, e il FUCHTINGSHOF
Per quanto riguarda la gastronomia tedesca, posso consigliarvi lo storico Cafè Niederegger, di fronte alla Markt Platz. Famosissimo per il suo marzapane e l’originale torta di nocciole e marzapane.
Il ristorante della tradizione di Lubecca è lo SCHIFFERGESELLSCHAFT, sempre nel centro storico lungo la Breite Str.
I prezzi sono sostenibili…bisogna valutare se il vostro stomaco italiano è altrettanto in grado di sostenere la cucina nordica.
Lubecca dista una ventina di km. dal Mare del Nord, quindi è quasi d’obbligo farci un giro.

Travemunde è la località piu’ famosa, con un bel lungomare, negozi e locali dove poter gustare anche (sempre per stomaci forti) il tipico panino con l’aringa…
mentre Tiemmerdorf è la spiaggia piu’ chic. Infatti lì troverete solo hotel di lusso e ville altrettanto costose.
Purtroppo il tempo non ci è stato amico e non abbiamo potuto assaporare davvero l’aria vacanziera del posto, così come i colori, che ahimè risultano spenti a causa del grigiore delle nubi. Tuttavia, ritengo sia una bella gita fuori porta per chi decidesse di soggiornare qualche giorno a Lubecca.

Consigli di viaggio e link:
Lubecca si raggiunge facilmente dall’Italia tramite il vettore low cost Ryanair, atterrando ad Amburgo e poi prendendo il treno.
Se volete spostarvi in auto, vi consiglio di noleggiarla tramite rentalcars.com

Ente del Turismo Tedesco per Lubecca
Ufficio del turismo in Lubecca

Mappa dei posti visitati:
Leggi tutto...

venerdì 28 aprile 2017

Isole Borromee, le perle del Lago Maggiore. Itinerario fra giardini e ville da sogno

Le Isole Borromee (Isola Madre, Isola Bella ed Isola dei Pescatori) si trovano sul Lago Maggiore, raggiungibili dalle belle località di Stresa e Baveno con pochi minuti di navigazione.
Sono luoghi di estremo fascino, che incantano il visitatore per la loro immensa bellezza ed armoniosità. Ogni stagione dell'anno può essere il momento giusto per visitarle, a parte l'inverno, periodo in cui sono chiuse.
 
Di recente ho avuto l'occasione di visitare il meraviglioso giardino botanico sull'Isola Madre, la più grande delle 3 isole, facente parte del prestigioso circuito inglese 'Royal Horticultural Society'.
Visitarlo in primavera, con i tulipani ed i glicini in fiore è una gioia per gli occhi e per la mente.
All'ingresso viene fornito (su richiesta, costo € 1,50) un opuscolo esaustivo con la piantina del giardino e tutte le specie di piante e fiori presenti.
Lago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola Madre
Inutile dire che i panorami sul lago sono davvero da togliere il fiato. Gallerie di glicini in tutte le cadenze di viola, alberi secolari, rododendri, azalee, gardenie ed immensi tappeti erbosi dove verrebbe voglia di rotolarsi come bambini, faranno da sfondo ad una giornata che diventerà indimenticabile.
Incontrerete pavoni bianchi e colorati, fagiani dorati, argentati e venerati: infatti un tempo l'Isola Madre era riserva di caccia, tanto che anche Napoleone, durante un soggiorno sull'Isola Bella, prese parte alla battuta di caccia in questo giardino.
Lago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola Madre
Nel punto più alto dell'isola sorge il Palazzo, i cui lavori di restauro e trasformazione risalgono addirittura al 1500. L'allestimento interno invece è di fine anni '70, ma gli arredi sono tutti pezzi unici d'epoca, appartenenti alla Famiglia Borromeo.
Nella piazza sottostante il palazzo c'è uno dei luoghi più romantici del giardino: il laghetto delle ninfee, con tanto di ranocchie in amore!!
Al momento il bordo è orlato da tulipani e la galleria di glicine, raggruppa una delle più importanti collezioni di questo fiore in Italia.
Lago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola MadreLago Maggiore isola Madre
In questa zona è possibile sedersi per un caffè, mentre si contempla una vista mozzafiato.
Se si decide di visitare le Isole Borromee, conviene fare il biglietto giornaliero, che vi permetterà di risparmiare qualcosa, specie se siete una famiglia. Spesso anche Groupon offre tariffe scontate che includono la visita a due o tre isole.
Lago Maggiore isola Madre galleria glicineLago Maggiore isola Madre galleria glicineLago Maggiore isola Madre galleria glicineDSCF2428DSCF2440Lago Maggiore isola Madre galleria glicine
Noi abbiamo deciso di ritornare su quella dei Pescatori, secondo me la più carina. Piena di ristoranti e piccole botteghe, ti fa respirare davvero aria di vacanza e poi offre alcuni punti assolutamente fascinosi. Con la primavera è davvero tutto più bello, colorato, vivo ed allegro.
Così ci siamo persi per le sue strette viuzze pedonali e ad ogni angolo c’era qualcosa da immortalare, per la bellezza e la serenità che trasudavano certi scorci…
Lago Maggiore isola dei pescatoriLago Maggiore isola dei pescatoriLago Maggiore isola dei pescatoriLago Maggiore isola dei pescatoriLago Maggiore isola dei pescatoriLago Maggiore isola dei pescatori
L’Isola dei Pescatori in genere viene scelta per il pranzo del mezzogiorno, ma ospita anche alcuni piccoli alberghi, per chi eventualmente volesse soggiornare e godere della pace del luogo nelle ore serali, quando i turisti rientrano sulle cittadine costiere.
L’Isola Bella l’avevo visitata una decina di anni fa.
Lago Maggiore isola bella
Il suo giardino è il protagonista, davvero superbo. Anche qui molta eleganza e splendide vedute. Ricordo ancora i pavoni bianchi con le loro grandi ruote, pronti ad essere immortalati dalle macchine fotografiche. Se siete in zona andate a visitarlo, ne vale davvero la pena.
Lago Maggiore isola bella
Lago Maggiore isola bella
Lago Maggiore isola bella
Tra le meraviglie che il Lago Maggiore offre, le più conosciute oltre alle Isole, sono l’Eremo di Santa Caterina del Sasso (raggiungibile sia in auto che tramite battello da Stresa) ed i fantastici giardini di Villa Taranto e Villa Pallavicino.
Parlando dell’eremo, la storia vuole che la prima cappella sia stata edificata nel XII sec. da un ricco mercante scampato ad un naufragio. Successivamente vennero costruite due chiese, più o meno due secoli più tardi.
Lago Maggiore eremo santa caterina del sassoLago Maggiore eremo santa caterina del sassoLago Maggiore eremo santa caterina del sassoLago Maggiore eremo santa caterina del sasso
La cosa più curiosa sarebbe il miracolo della caduta dei sassi sulla chiesa che, impigliandosi nella volta della cappella non fecero grossi danni e rimasero fermi lì per quasi due secoli. Sa davvero dell’incredibile.
Avendo visitato l’eremo in precedenza, tra l’altro in un giorno di pioggia torrenziale, stavolta ci siamo accontentati di guardarlo dalla sua prospettiva migliore, ossia dalla barca. E’ davvero splendido, così aggrappato alla roccia, in bilico fra terra e lago….una delle tante meraviglie della nostra piccola grande Italia.
Anche i giardini di Villa Taranto meritano assolutamente la vostra attenzione.
Lago Maggiore villa tarantoIMG_20170428_0002Lago Maggiore villa taranto
Lago Maggiore villa taranto
Foto di Raffaele Sergi - Flickr
Lago Maggiore villa taranto
Foto di Raffaele Sergi - Flickr
Lago Maggiore villa taranto
Foto di Cristian Santinon - Flickr
Sono a dir poco splendidi, con viali, fontane e giardini terrazzati. Non mi dilungo nelle spiegazioni perchè le immagini già raccontano tutta la loro bellezza. Cito solo un appunto sulla grande ninfea equatoriale Victoria, le cui foglie raggiungono quasi due metri di diametro e possono sopportare un peso fino a 10 kg!! praticamente un bimbo di 8/10 mesi…E’ incredibile!
E’ possibile vederla nella serra del giardino da metà giugno ad ottobre inoltrato ed è la specie di ninfea più grande al mondo.
Parco e Villa Pallavicino si trovano a Stresa, ed oltre ad avere giardini meravigliosi come la sorella Villa Taranto, ospitano anche una fattoria, dove i più piccoli potranno entrare in contatto senza timore con caprette, daini e lama, che vivono liberi ed a contatto con l’uomo.
Lago Maggiore villa parco pallavicinoLago Maggiore villa parco pallavicinoLago Maggiore villa parco pallavicinoLago Maggiore villa parco pallavicinoLago Maggiore villa parco pallavicino
Inoltre sono presenti altri animali, come canguri, zebre e moffette, oltre che a diverse specie di volatili. Per tutti gli animali sono stati ricreati ambienti adatti alle loro esigenze.

Consigli di viaggio ed informazioni
I giardini dell’Isola Madre ed Isola Bella saranno aperti fino al 22 ottobre di quest’anno, poi riapriranno a marzo 2018

Costo di visita:
Isola Bella € 16,00 per adulto, bambino (6-15 anni) € 8,50
Isola Madre € 13,00 per adulto, bambino (6-15 anni) € 6,50
E’ possibile fare biglietti cumulativi con la visita delle due isole a partire da € 21,00 per adulto.
Tutte le informazioni le trovate al seguente link: Isole Borromee - Acquista biglietto

Giardini di Villa Taranto
Aperta fino da marzo al 1° novembre
Costo di visita:
Adulti € 10,00
Bambini (6-14 anni) € 5,50
Link di riferimento: Villa Taranto - Info e Prezzi

Parcoe Villa Pallavicino (attualmente il parco è in ristrutturazione, ma aprirà a breve)
Adulti € 9,50
Bambini (3-12 anni) € 6,50
Link di riferimento: Parco Pallavicino - Prezzi e Orari

Eremo di Santa Caterina del Sasso
Ingresso gratuito. Di seguito il link per la visita e l’orario della Santa Messa
Santa Caterina – Orari

Di seguito il link della Navigazione Laghi
Navigazione Laghi - Tariffe Lago Maggiore
E’ possibile avere sconti per comitive, famiglie e soci Touring Club.
Noi per un giornaliero in 3, avendo aggiunto anche la tratta per Santa Caterina (che in genere si fa a parte), abbiamo spesso € 33,00, con accesso illimitato a tutte le tratte verso le 3 isole e l’eremo.

Come arrivare:
Autostrada A1 - A21 - A26.
Aeroporto più vicino: Milano Malpensa, servito dalla low cost Easyjet






























































Leggi tutto...